Archivi categoria: Maternità

Messa a Letto Difficile: l’SOS di Una Mamma in Cerca di Consigli

Standard

85153“Son mamma di due gemelli di quasi due anni e di una bimba di 4. Ho visto ora il blog…è ancora attivo??? Ho bisogno disperatamente di consigli, ho ripreso a lavorare da tre mesi e ho qualche difficoltà…

Il problema più grosso ora è la loro gelosia e il momento dell’addormentamento. Vogliono addormentarsi entrambi con me nello stesso momento ma in modo esclusivo e…io sono una! Il papà non riesce a distrarli e finisce sempre che piangono e poi a seconda delle sere si escogita qualcosa tipo passeggino gemellare o si fanno giocare fino allo sfinimento… Ma è frustrante, dovrebbero addormentarsi in modo più tranquillo…calcola che poi ho un’altra bimba di 4 anni che si addormenta nel suo letto ma vuole la compagnia di mamma o papà fino all’ultimo per cui di solito i gemelli toccano a me..a meno che io faccia la notte in ospedale allora alle 21.10 scappo dopo aver addormentato la grande e mio marito li fa giocare fino all’ultimo…passerà questa gelosia??????????ma quando????
Leggi il resto di questa voce

Annunci

Si può essere “talebani” dell’allattamento fino a far sentire inadeguata una madre?

Standard

2013-07-15-17.03.53-768x1024L’allattamento: quanto amore, quanta salute per mamma e bambino quanto….stresss!!!
Io personalmente l’ho vissuto poco (4 mesi) e molto probabilmente ho commesso l’errore di non coltivarlo bene fin dall’inizio visto che i bimbi non si volevano attaccare ma, oltre al mio ci sono altri casi (molti) in cui la donna non vive quel “magico momento” come si aspettava. Oggi  vi lascio con la riflessione di Manuela P. un’altra mamma che come me, ci tiene a ricordare che la maternitá, cosí come la gravidanza e l’allattamento appunto, non è sempre quel mondo fatato di cui tanto si sente parlare.

Prima di lanciarmi nel raccontare la mia avventura tengo a premettere, perché ci tengo davvero, che le ostetriche sono una risorsa preziosa che, nonostante tutto, serve davvero tantissimo alle neo mamme incasinate come me. Io ne ho incontrate diverse, professionali e dolcissime. Una in particolare stupenda: decisa, forte e concreta. Certo, anche un bagno di realtà, a volte, sarebbe utile.

Non sono mai stata una donna “nataperfarelamamma”, anzi. Quando ho scoperto di essere incinta (e non è successo per caso) la mia reazione di gioia immensa, le farfalle nello stomaco, il cuore a mille si sono concretizzati in un: “Oh cazzo”.

Mi sono detta e ho ripetuto fino alla nausea a chi mi conosceva che mai e poi mai sarei diventata “una di loro”. Una di quelle mamme invasate e affette da mamite cronica. Mai.

Con la mia panzona gigante e un atteggiamento piuttosto scettico ho cominciato a frequentare un corso preparto durante il quale si è ovviamente parlato di allattamento.

Forse il termine “parlare” non rende l’idea. Riformulo: durante il corso è stato effettuato costantemente e puntualmente un vero e proprio lavaggio del cervello in merito all’importanza, ma che dico, alla sacralità dell’allattamento. Un continuo tarlo ripetuto fino alla nausea: i benefici dell’allattamento, la comodità, la facilità, l’ovvietà dell’allattamento.

In diverse mamme ci siamo dette (di nascosto per carità!) che stavano esagerando, che a noi non ci avrebbero fregato: “Siamo cresciute in tante a latte artificiale (la sottoscritta al 100%) e nessuna di noi è obesa/malata/allergica/menomata o deficiente”. Ce lo siamo ripetute nei corridoi, nelle pause pipì (molte) e nelle pause caffè (poco). Leggi il resto di questa voce

Mia figlia ha sempre fatto cosí: non c’è nulla che non vada in lei.

Standard

autismo IILa natura dell’essere genitore è davvero complessa: io lo associo ad un riccio pieno di spine dove ad ogni ago corrisponde un atteggiamento tanto tagliente quanto necessario. Se considerati nel loro insieme, gli aculei compongono l’animale il quale, non appena riconosce una minaccia, si chiude a palla lanciando verso l’esterno la parte peggiore di sè ma di cui non puó fare a meno.

Ogni genitore quindi, dall’iperprotettivo che tiene il figlio sotto una campana di vetro, al”facilone” che non teme nulla e per il quale tutto si fa un po’ alla buona, all’improntato sulle regole ed il rigore (io credo di appartenere a questa categoria ;-), a quello che vizia senza limiti, ecc…ogni modo di essere genitore coincide con un ago del riccio. Quando il genitore si sente osservato o criticato/analizzato, allora esaspera ancor piú il suo modo di essere giustifcandone le ragioni. Tutti infatti, abbiamo le nostre piú che buone motivazioni per avvallare il nostro modo di fare il genitore. Del resto, nessuno meglio di noi sa quello di cui ha bisogno nostro figlio.

A quest’ultima frase si potrebbero ovviamente muovere diverse obiezioni e recentemente ne ho avuto una chiara conferma. Insieme ad un’amica mi sono imbattuta in un genitore che fa parte della categoria “mia figlia non ha nessun problema. Ha sempre fatto cosí” e come ogni ago del ricco, quando abbiamo cercato di farle vedere le cose da un’altra prospettiva, lei si è chiusa ed ha drizzato l’ago della giustificazione che esaspera appunto un atteggiamneto giá sbagliato di partenza.

Spiego i fatti: una compagna d’asilo di Alessandro ha secondo la maestra che la segue, dei problemi di comportamento. Non guarda la gente negli occhi se non per brevi istanti, non usa un linguaggio normale all’etá di tre anni (solo articola suoni e ruomori incomprensibili) e non cerca il contatto con amici ed insegnanti. Inoltre, tende a giocare da sola ed in modo molto metodico (quasi tutti i giorni, per esempio: mette le sue bambole in fila sul divano e gli piazza una costruzione in testa. Vietato toccarle quella strana geometria o si arrabbia parecchio). Leggi il resto di questa voce

CUORE DI MAMMA…E DI NONNA

Standard

gustav_klimt_9Pochi giorni fa mi ha scritto NONNADIETROILVETRO e allora mi sono tuffata nel suo delizioso blog alla ricerca di un punto di vista diverso. Io sono una mamma che vive all’estero lontana dalla famiglia, lei una nonna che vive in Italia, lontana da figlia e nipotina. Leggendo i suoi post che sono delle squisite pillole di amore, non ho potuto non riflettere su un paio di aspetti:
una mamma è sempre mamma, anche quando passano gli anni ed i figli sono grandi e totalmente indipendenti (aspetto che si traduce alla perfezione nelle descrizioni/racconti di Nonnadietroilvetro)
una mamma, se è nonna, è ancora piú Mamma anzi, mamma al quadrato.

E allora non posso non pensare alla mia di mamma…Una donna che si è avvicinata al computer ed internet solo per imparare a vederci e sentirici via Skype; che si è fatta il suo corso d’informatica solo per riuscire in questa missione e che ora, dall’alto della sua competenza, deve comunque aspettare giorni e a volte settimane prima di riuscire a vederci online. La colpa è sempre mia che, tra impegni vari e gemelli indiposti, non le posso garantire i contatti che vorrebbe. Leggi il resto di questa voce

GRAVIDANZA…QUANTO MI PESI!

Standard

torta-donna-incintaAle e Leo hanno qausi tre anni ed io non riesco ancora a liberarmi dei kg presi con la gravidanza. Premetto che per una gestazione multipla, avevo preso solo 17 kg. Prima dell’intrusione pesavo 47-48 kg e ora sotto i 50 non scendo proprio.
Da qui parte un mini (stupidissimo) sondaggio che ci terrei proprio a fare per tenere alta la mia autostima: ditemi che tutte voi non siete riuscite a smaltire tutti, ma proprio tutti i kg da fase “balenica”.

P.S. questo discorso non vale per VIP e donne iperfissate con la questione fisico: non vale l’esperienza di quelle mamme che hanno il tempo per andare frequentemente in palestra o mille persone che le aiutano permettendo loro di evitare di mangiare cibi calorici che diano l’energia necessaria per mantenere il ritmo dettato dai piccoli tornado portaciccia.

(Anche questo post fa parte della mia missione “smantelliamo l’immagine idilliaca della gravidanza”)

A voi la parola….

FIGURACCE BY ALE E LEO – La collezione

Standard

figuracceCredo che anche questo sia un post destinato ad allungarsi nel tempo. Oggi nasce, ma si alimenterá di altre opportunitá imbarazzanti. Sará il post-lista delle figuracce che i gemelli mi faranno fare di fronte alla gente.

1) Siamo in sala d’attesa per il medico (ci devo andare io e tocca portarsi dietro anche i pupi. Mi sono infortunata un tallone inciampando rovinosamente su una valigia e da due settimane non posso apoggiare il piede a terra. Loro lo sanno e sembrano divertirsi a scappare da un angolo all’altro del centro…tanto sanno che mamma questa volta non riesce a Leggi il resto di questa voce

C’è mamma e mamma: donne del passato vs. donne “moderne”

Standard

elenarosciTempo fa un’amica mi diceva che non era sicura di voler diventare mamma; che c’erano degli aspetti che la spingevano a provarci ma anche molte perplessità in merito a quello che la maternitá avrebbe fatto di lei. L’avrebbe stravolta come persona? L’avrebbe annullata come succede a molte donne? Bene, questa mia amica ha giá un bambino e posso dire che i suoi dubbi erano fonadti perchè sì, a mio parere la maternità l’ha giá cambiata. Ad ogni modo quella volta le avevo dato una risposta che oggi ho in parte ritrovato in un post (che riporto dal sito Romagnamamma.it) e che credo valga la pena di essere letto. Io per prima infatti, mi trovo spesso a dovermi “giustificare” di fronte a mamme, nonne rimaste incastrate in altri tempi e poco sensibili verso le ovvie trasformazioni che il concettto di “mamma” ha subito in questi ultimi decenni.

Vi riporto qualche spunto:

Mettete tra parentesi la precarietà del lavoro, l’infertilità, l’instabilità di coppia. Siamo sicuri che le donne facciano sempre meno figli per questi motivi? Non solo, secondo Elena Rosci, psicoterapeuta e autrice, dopo “Mamme acrobate”, del libro “La maternità può attendere”, edito da Mondadori.Leggi il resto di questa voce