Archivio mensile:gennaio 2014

PEPPA PIG VA IN ITALIA (PIÚ O MENO..)

Video


Pochi giorni fa i bimbi stavano guardando un episodio di Peppa Pig. Il titolo della puntata era: “Peppa Pig va in Italia”. Non ho potuto evitare di guardarlo. I gemelli erano E- STA-SIA-TI: il protagonista di uno dei loro cartoni preferiti andava propio in ITALIA! Leo non stava nella pelle (e sul divano)…sghignazzava contento nella speranza (credo) di poter vedere sullo schermo l’Italia che conosce ed ama. Nonni compresi.

La famiglia di maiali sempre contenti vola quindi verso il Bel Paese. Appena scendono si stupiscono per l’ottimo clima ed il sole ammagliante. Fin qui tutto bene… Poco a poco peró, inziano a venire a galla i piccoli luoghi comuni che evidentemente si insegnano ai bambini fin da piccolissimi. Ecco quello che i 4 british pigs hanno constatato: Leggi il resto di questa voce

FARE LA MAMMA (ITALIANA) IN UNGHERIA: LA STORIA DI SARA

Standard

bandiera ungheriaGenitori Italiani nel Mondo è un progetto a cui tengo molto. Dovendo peró fare riferimento alle esperienze di chi legge il blog è davvero molto difficile trovare qualcuno che: mi legga, abbia le caratteristiche richieste e sia disposto a condividere la sua storia.
In questo panorama quindi sono davvero al settimo cielo quando qualcuno mi contatta per dare il suo prezioso contributo!

Oggi è quindi il momento di Sara, una gentilissima donna che dall’Ungheria ci racconta le sue difficoltá in qualitá di mamma italiana che vive in un paese che non sposa le “sfumature culturali” del nostro Paese.  Vi lascio quindi con il suo resoconto: buona lettura e grazie ancora a Sara!

Ciao cari, la mia storia è questa, ho fatto due gemelli a Roma, poi una bambina a Budapest e adesso, sempre in questa città, si attende il quarto cucciolo. Leggi il resto di questa voce

CUORE DI MAMMA…E DI NONNA

Standard

gustav_klimt_9Pochi giorni fa mi ha scritto NONNADIETROILVETRO e allora mi sono tuffata nel suo delizioso blog alla ricerca di un punto di vista diverso. Io sono una mamma che vive all’estero lontana dalla famiglia, lei una nonna che vive in Italia, lontana da figlia e nipotina. Leggendo i suoi post che sono delle squisite pillole di amore, non ho potuto non riflettere su un paio di aspetti:
una mamma è sempre mamma, anche quando passano gli anni ed i figli sono grandi e totalmente indipendenti (aspetto che si traduce alla perfezione nelle descrizioni/racconti di Nonnadietroilvetro)
una mamma, se è nonna, è ancora piú Mamma anzi, mamma al quadrato.

E allora non posso non pensare alla mia di mamma…Una donna che si è avvicinata al computer ed internet solo per imparare a vederci e sentirici via Skype; che si è fatta il suo corso d’informatica solo per riuscire in questa missione e che ora, dall’alto della sua competenza, deve comunque aspettare giorni e a volte settimane prima di riuscire a vederci online. La colpa è sempre mia che, tra impegni vari e gemelli indiposti, non le posso garantire i contatti che vorrebbe. Leggi il resto di questa voce

VACANZE NATALIZIE? NEMMENO L’OMBRA…

Standard

INFLUENZAL’anno è iniziato alla grande: i bimbi ed io siamo ammalati dal 24 dicembre….bloccati in casa dei suoceri senza possibilitá alcuna di goderci le vacanze natalizie. Orribile…..

Prima sia ammala Leo che poi sembra guarire. Nello stesso tempo inzia a stare male Alessandro e dopo due giorni si riprende anche lui. È quindi il mio momento: fiumi di vomito in casa dei parenti di Raffa per poi, senza pausa, scivolare in una bella laringite da “strappati il costato” e, senza concluderne la guarigione, passare poi ad un’influenza da manuale. Mio Dio. Erano 15 anni che non avevo febbre e in questi giorni sto decisamente riscoprendo cosa sia la sofferenza fisica. Non c’è una parte di me che non sia stata annientata.
Nel frattempo, i gemelli si sono procurati una bellissima otite e quindi, oltre a stare poco bene, mi devo preoccupare dei lamenti dei due angioletti inferociti che, presi dal malessere, vogliono solo stare con mamma. Conseguenza logica? La mia influenza, poco a poco, passa anche a loro che ora, oltre all’orecchio dolorante, si ritrovano con febbre alta, tosse e tutto il resto. Non ci facciamo mancare proprio nulla! Leggi il resto di questa voce