CAMPING ECOLOGICO, NATURA INCONTAMINATA E TERRORE

Standard

IMG-20130922-WA0020 Oggi faccio da guida turistica online e vi porto alla scoperta di un angolino dell’Andalusia che credo siate in pochi ad aver visitato per due ragioni: 1) per arrivarci bisogna scendere cosí in fondo ad una vallata che a tratti sembra di non arrivare mai; 2) non è un posto da 5 stelle, anzi…è molto alla mano ma degno di essere visitato a chi piace il camping e l’assoluto contatto con la natura selvaggia.

Lo scorso fine settimana, abbiamo deciso di fare un test e di portare Ale e Leo a trascorrere un paio di giorni in tenda. Con una macchina che era piú simile a quelle che da queste parti si vedono provenire dal Marocco (carichissime di ogni oggetto di casa, compreso il divano, che solitamente posizionano ooooooover the top..) ci siamo quindi avventurati nella Serrania de Ronda, tra ricchi boschi di castagni alla ricerca del paesino di Júzcar e del vicino Camping Monclon. Per raggiungerlo, bisogna scendere una stradina improbabile, sterrata ed infinita…sembra di essere diretti verso il centro della terra e la cosa assume un sapore ancora piú misterioso se si pensa che le montagne di quella zona non arrivano ai 1000 metri di altitudine.

Giú, giú e ancora piú giú, si arriva quindi ad una stretta valle attraversata dal rio Genal, un fiume dalle tiepide e trasparentissime acque. Il camping è ospitato in un fitto boschetto di pioppi e, di sottofondo, presenta un continuo e rilassante “fruscio di fronde” intonato da una frizzante brezza montana ed interpretato dai numerosi, morbidi rami.
A prima vista, il campeggio ci appare un po’ spettrale: siamo quasi gli unici ospiti, l’ombra dei pioppi è fitta (quasi buia) e l’aspetto delle installazioni non è propriamente curatissimo (cosa che peró, non puó che giovare a quell’atmosfera selvaggia che cercavamo). Noto poi con timore che non c’e nemmeno un palo della luce cosa che vi diró, in mezzo ad un bosco, con un fiume, di notte e con due gemelli, avrebbe avuto il suo valore aggiunto. Sorvoliamo sulla questione e pensiamola con filosofia: buio=lupo=paura=si addormenteranno subito.

In poco tempo scegliamo il nostro covo e montiamo la tenda mentre i bimbi esplorano con assoluta felicitá il boschetto incantato. L’effetto brezza mi infastidisce fin da subito dato che, in meno di mezz’ora, ho giá cambiato due pantaloni zuppi, zuppi di pipí ed “associata”. Va beh…tanto siamo allo stato brado per un paio di giorni….si salvi chi puó.
Non mi dilungo oltre, vi dico solo che la zona è ricchissima di escursioni, possibilitá di fare rafting, rappel, di vistare grotte, ecc…è davvero una zona dalle mille meraviglie. Noi, ovviamente, non abbiamo potuto fare nulla di tutto questo, lo faremo appena i gemelli saranno un po’ piú grandi. In compenso abbiamo passato le due giornate tra passeggiate e “istruttive lezioni di ecologia”. La simpatica proprietaria del camping infatti, ha pensato bene di associare il campeggio ad una zona di educazione infantile dove appunto, insegnano ai bambini che cosa significhi coltivare gli ortaggi in maniera del tutto biologica. Solo acqua, sole e tante cure.
IMG-20130922-WA0035Il risultato? Avevamo due lerci nanetti che osservavano le piantine dell’orto, raccoglievano noci, strappavano dispettosamente cachi immaturi, inseguivano le galline cercando di alimentarle, raccoglievano uova (immonde) e gettavano sassi nel fiume nella speranza di colpire un ignaro pesce. Ci siamo poi spinti tra la boscaglia alla scoperta dei ruderei di una delle fabbriche di latta piú vecchie d’Europa e in un contesto alla “The Blair witch project” i bimbi hanno trovato una culla degna di un film dell’orrore. La fabbrica era infatti un rudere abbandonato che, nei suoi ultimi anni, era stata adibita ad abitazione. Quando poi, lo hanno lasciato a se stesso, sotto il peso degli anni e delle intemperie, con la chicca della culla, i proprietari hanno pensato di regalare a quel posto oramai incantato, un tocco terrorifico in piú. Giudicate voi dall’immagine.

Tra natura, orti, lezioni bio, fantasmi del passato e tanto divertimento, abbiamo trascorso due giornate meravigliose, difficili per noi adulti, ma entusiasmanti per i piú piccoli. Mani sporche, unghie nere e vestiti non piú riutilizzabili. In poche ore, Ale e Leo si erano perfettamente adattati al posto: erano diventati due selvaggissimi gnomi felici.
Grazie al mio Rafa del cuore, per aver organizzato il tutto!

Annunci

»

  1. Che stuppendo fine settimana! Bravi i cuccioli Che li piace la natura.
    Una cosa da chiarire: mi pare di aver letto che “MONTIAMO” la tenda???

  2. Per Rafa: chiaramente uno dei due deve badare ai gemelli, non si puó montare la tenda insieme… Credo che il “montiamo” fosse riferito a tutta la famiglia: se Jessica non avesse badato ai bimbi, la tenda non si sarebbe potuta montare, no? Bravo, papi!

    Ciao, Jessica!

    Bel fine settimana! Immagino la vostra stanchezza a fine giornata! Certo che non mancava proprio niente… la culla, poi… mi vengono i brividi! Ma i bimbi si addormentavano con la sola “minaccia” del lupo? Sicuramente la stanchezza a fine giornata era tantissima anche per loro! Baci!

    • Sei giá la seconda che me lo fa notare…è vero, la minaccia del lupo non è servita a molto. I gemelli sono rimasti svegli a lungo, rinchiusi dentro la tenda. Si divertivano a “pogare” e rimbalzare contro le “pareti elastiche”. Ad un certo punto, contro ogni consiglio pedagogico, Raffa è uscito con la scusa di andare a fare la pipí e si è messo ad ululare nella sepranza si calmassero un po’. No way…il tenda – ring è andato avanti per un bel po’….

Qualcosa da dire? Lascia un tuo commento e preferibilmente fallo quí e non su FaceBook! :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...