ATTENZIONE: GENITORI IPERPROTETTIVI NUOCIONO GRAVEMENTE ALLA SOCIETA’

Standard

Mamme di tutto il mondo: ridimensionatevi. Se vi identificate con l’identikit che sto per fare, mandatemi pure a quel paese, ma veramente, mettetevi una mano sul cuore. Morale del post: i genitori al giorno d’oggi sono sempre più spesso fonte di disgregazione sociale, maleducati, invasati di iperprotezionismo nei confronti dei sempre più temuti (dal resto della gente) figli.

Ora vi spiego il perchè della mia indegnazione.

La mia sorellina più piccola, l’oramai 20enne Greta, da quasi un annetto lavora presso l’aerea bimbi di un centro commerciale. Fa l’educatrice a mezza giornata; per riuscire a coprire tutti i pomeriggi della settimana è dovuta passare per mesi e mesi di sostituzioni e ovviamente, non ha ne contratto ne un ingente guadagno.
Si dice sia brava: ci sono bambini che quando vanno al centro chiedono di andare all’area giochi e, nello specifico, di giocare con Greta. Non è mai arrivata in ritardo, non ha mai chiesto un giorno di malattia (alla quale non avrebbe comunque diritto), è educata, gentile e soprattutto lavora con passione in compagnia dei bambini. In poche parole: è il lavoro che ha sempre voluto fare.

Il fatto: la scorsa settimana stava disegnando con un bimbo di 7 anni quando questo le chiede un bicchiere di acqua. Nel farlo, il minore fa il gesto del pollice che entra in bocca quale fosse una bottiglia. Al vederlo, Greta esclama istintivamente “dai, prova sì a ciucciarti il dito e vediamo se esce dell’acqua”. Entrambi ridono divertiti e poi mia sorella gli porge un bicchiere rinfrescante. Trascorrono due orette e la madre ritorna all’area giochi per riprendersi il pargolo. Se ne vanno sorridenti. Sono tutti contenti.

Dopo una ventina di minuti Greta vede ricomparire sull’uscio madre e figlio: lui una faccia seria, lei a dir poco incazzata. Si avvicinano al bancone e la chioccia inizia a sbraitare:
“Chi è quella che ha detto a mio figlio di ciucciarsi il dito????
“Chi è quella maleducata! Ma come vi permettete di parlare così ad un bambino di sette anni! Ma stiamo scherzando? Ma io la denuncio! Io porto qui mio figlio nella speranza che passi bene il suo tempo non che venga trattato così”.

Credo che nel cuore e nella testa di mia sorella sia scoppiato qualcosa un po’ come quando esplode un uovo nel microonde. La povera rimane allibita alla vista di una scena che non comprende e non riesce a giustificare. Si interroga sul perché quella sua frase sia stata tanto infausta. Cosa ha detto di male? Maleducata? Ma se entrambi si sono divertiti! Ma…ma…non capisce. 

E non capisco nemmeno io come facciano certi genitori ad essere tanto rompi balle. Qualcuno di voi mi può spiegare come mai una madre può arrabbiarsi a tal punto per una frase del genere? Io continuo a giustificare il tutto con l’idea che gente maleducata e sclerata ce n’è tanta e pertanto la si ritrova anche nel gruppo dei nonni, dei cassieri, degli allenatori, avvocati, medici…ed infine tra i genitori. Praticamente un’idiota. Idiota sì, perché vista la precarietà di mia sorella e soprattutto il fatto che il centro commerciale voglia ovviamente evitare problemi del genere, ha deciso di “licenziare” (ripeto: non aveva contratto) la povera malcapitata. Non una volta aveva commesso un errore e nemmeno questa volta lo aveva fatto..ad ogni modo, “ci dispiace ma è licenziata“.

Ecco quindi che, cari genitori che vi incazzate al minimo arricciamento di naso che un educatore o un maestro può rivolgere ai vostri pargoli ovattati: ma vi rendete conto che NON PUO’ ESSERE???!!! I vostri sono bambini qualsiasi, fanno i capricci come tutti, sono fastidiosi se maleducati, urlano, mordono e fanno la cacca puzzolente come tutti gli altri. Non sono di cristallo, non sono pezzi da collezione da curare e spolverare al minimo granello di polvere, non sono santi, non sono intoccabili. 
Ditosucchiareacqua non sono termini osceni, maleducati o scabrosi, sono parole normali che le persone normali rivolgono ai bambini normali. 

Caro genitore che mi leggi: se anche tu, almeno una volta nella vita hai dato di matto esageratamente e probabilmente senza rendertene conto solo per “proteggere tuo figlio”, se ti sembra che i genitori degli amichetti del tuo cuccioli ti evitino o ti trattino troppo bene, se  credi che il tuo sia il figlio migliore del mondo, sappi che SBAGLI. Probabilmente con il tuo atteggiamento da genitore cieco ed intontito avrai provocato il licenziamento di una povera giovane che oltre a coincidere con la generazione che probabilmente morirà di fame a causa di una crisi e di un welfare sempre più in metastasi finirà per mangiarsi i bambini viziati e rimbambiti che le ricorderanno la sua prima e ingiustificata ingiustizia lavorativa.

Lo so, ingiustizie nel mondo ce ne sono tantissime e questa non è nemmeno tra le più gravi, ma questo è un blog dedicato al rapporto genitori-figli e quindi non potevo non parlare di quanto è accaduto e di quanto possano essere incredibilmente maleducati ed esagerati certi genitori.

(Un post che in parte centra con questo argomento: Mamme che chip! Lotta contro il rimbabimento da maternità)

Annunci

»

  1. vorrei mettere il link di questo post sulla bacheca della pagina del centro Commerciale… ne ha una? che dici? si potrebbe fare?

    cmq…

    “vergogna!!!!!”

    che questa madre si vergogni di non aver avuto l’educazione a chiedere dei chiarimenti di fronte a quello che a lei era sembrato un episodio strano

    Vergogna ai quei datori di lavoro che hanno dato retta ad una signora urlante, che senza prove accusava Greta che di certo non meritava un trattamento simile dopo tutta la devozione che ha sempre messo nel suo lavoro!!!

    Vergogna!

  2. It is difficult to understand why people are cruel, especially when it is so unnecessary. Remember, there are a lot of other people who are nice. My son says, that everyone can make us happy: some by entering a room and some by leaving the room. You have a great blog!!! Mi piace Italia!!

    • Thank you Clanmother! I read your blog and, as you know, that’s a really great one! You are right: sometimes it’s better if “someone leaves the room” and as we say in Italy “meglio soli che mal accompagnati!”. Do you understand italian or do you read my posts using the automatical transaltion? Anyway thanks again!

      • I start with Italian and then use the translator to make certain I understand everything that you wrote.. Several years ago I studied Italian in Castelraimondo. What a wonderful time: Fabulous food, amazing language and the most remarkable people. I must get back to my language studies. Looking forward to our ongoing conversation!!

      • I am glad you have good memories of Italy and Italians but I feel even more honored when a foreing person wants to learn Italian. It’s a minority language and it’s incredible that someone makes the effort to learn it even if he doesn’t need it. Let’s talk Italian! 🙂

  3. Ma sono fuori di testa??? Greta, mi dispiace un sacco, di certo non ti meritavi un trattamento assurdo come questo.. Non se lo sarebbe meritato neppure uno meno bravo, più impreparato o più in difficoltà con i bambini. Bastava chiedere un chiarimento, chiederlo magari anche al bambino (voglio dire, a 7 anni può anche spiegare cosa ha capito lui di uno scherzo innocente e come lo ha riferito alla madre).. Assurdo.
    Boicottiamo il centro commerciale. E anche le madri iper protettive (che poi, se dovete rompere i maroni agli educatori che si fanno il mazzo e dei quali non vi fidate, allora portate con voi i marmocchi durante i vostri giri di shopping!!!)

  4. Che tristezza queste mamme e questi datori di lavoro!
    Io mi rivolgerei ai sindacati/finanza o chi di dovere visto che non è in regola, inoltre non è corretto neanche il modo in cui è stata “licenziata”.
    Io non farei finta di niente…ma anzi cercherei di rompere le palle e se serve metterli anche nella cacca!
    Per quanto riguarda tutte quelle mamma che credono che i loro figli siano dei poveri bambini innocenti, incompresi…ricordatevi che i vostri bambini saranno i più maleducati del mondo, e voi siete la causa.

  5. grazie mille a tutti ke mi difendono…per ora ho il posto fino a gennaio, e poi boh…sarei rimasta cmq fino a gennaio perchè mi scadeva la sostituzione maternità..cara fefe, lo so che sarebbe da fare, ma non pubblicate niente sulla pagina del centro commerciale..
    La cosa che mi infastidisce di più, è che se veramente i genitori sono cosi iper prottettivi nei confronti dei loro figli, che cavoli li “scaricano” a delle sconosciute per poter fare la spesa in pace!!!!
    Questo vuol dire che siete consapevoli che i vostri bimbi sono dei rompi maroni!!!!
    Questo è tutto…io il mio lavoro l’ho fatto,ho la coscienza apposto,ho dei bimbi fans che mi dicono che sono la loro maestra preferita e quindi sono orgogliosa di quello che ho fatto e dato dentro li!!
    Ora vi riporto il dialogo con il bambino e ditemi anche voi se non è assurdo:
    B: “maestra ho sete,come devo fare?”
    M: “prova a ciucciart il DITO,magari esce acqua, e se non basta scaviamo una buca per cercarla”

    Questo è quanto!!!!!

  6. Ciao ti ringrazio per il tuo messaggio da me… adesso mi sotto scrivo qui da te, e provo a sequire il tuo blog, con amicizia Rebecca

    • Grazie Pif! il tuo post sui maltrattamenti su Laika mi ha veramente sconvolta: magari era ovvio, ma non avevo mai pensato a quale potesse essere l’allenamento di un cane astronauta…Va beh, visto che sei un’amante degli animali, presto scriverò un post su come noi genitori di bambini curiosi contribuiamo al maltrattamento animale. Magari così ti “aiuto” a seguire il mio blog 😉 Grazie ancora!

      • Io in prima linea scrivo su gli indiani d’america, la loro cultura, storia e la loro vita verso la natura e il creato.. per me è fondamentale di nutrire il massimo rispetto per tutte le creazioni del nostro Creatore universale, io metto gli animali allo stesso gradino come l’essere umano, perche noi siamo tutti stati creato da un Dio d’amore.. questa settimana ho dedicato agli animali… se io trovo il tempo seguo tutti i miei amici blogghisti.. Pif

      • Decisamente affascinante. L’impronta antropologica mi coinvolge ancor più di quella animalista. Pensa che il mio sogno sarebbe quello di scrivere documentari socio-antropologoci e per questo mi dedicai alla facoltà di sociologia. Sono felicissima Pif, di averti incontrata, spero sia l’inizio di un lungo interscambio di punti di vista. A presto

Qualcosa da dire? Lascia un tuo commento e preferibilmente fallo quí e non su FaceBook! :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...